/A Cordenons sempre Vinci-Sussarello

A Cordenons sempre Vinci-Sussarello

E sono tre! Roberta Vinci e Giulia Sussarello dopo aver vinto la tappa del circuito Slam by Mini di Parma e nel Fip Rise di Torino si aggiudicano anche il Fip di Cordenons nella categoria femminile mentre in quella maschile hanno vinto i favoriti Fernandez Cano e García Destro.
Nella giornata di domenica si sono disputate le semifinali e le finali senza nessuna sorpresa.

Il Fip Star maschile

La categoria maschile ha visto la vittoria, come riporta il sito della federtennis, dei favoriti assoluti del “Cuadro”, gli spagnoli Antonio Fernandez Cano (n.37 del ranking mondiale) e Jose Antonio García Destro (n.39), assidui inquilini del World Padel Tour. Il duo iberico, fatale nei quarti a Lorenzo Di Giovanni e Daniele Cattaneo, teste di serie numero 8, si sono ripetuti in semifinale per 63 61 nel derby spagnolo con Oscar Vazquez Fernandez e Alejandro Tasa Van Beek, quinta testa di serie, e poi hanno dominato 62 62 la finale contro i secondi favoriti del tabellone, il tandem targato Spagna-Qatar composto da Raúl Marcos Durán e Mohammed Saadon Alkuwari, che per arrivare fino in fondo avevano eliminato per 46 63 63 Javier García Mora e Abdulla Ali Al-Hijji, teste di serie numero 3.




Il Fip promotion femminile

Nel ‘Cuadro’ femminile, Giulia Sussarello e Roberta Vinci, reduci dai successi nella prova del circuito Slam by Mini di Parma e poi nel Fip Rise di Torino, hanno rispettato fino in fondo il ruolo di principali favorite tra le dodici coppie in tabellone (da regolamento escluse le prime 16 della classifica femminile). Per l’ex numero 7 Wta, che in Piemonte aveva conquistato i suoi primi punti per il ranking WPT-FIP, è l’ulteriore conferma della repentina crescita da quando si è dedicata al padel. Torneo fagocitato concedendo nei tre match disputati appena 5 game: bye al primo turno, 60 60 nei quarti ad Alessia Madia e Camilla Ronchini, 61 61 in semifinale a Martina Pugliesi e Anna Signorini, numero 3 del seeding, e 62 61 in finale a Francesca Campigotto ed Erika Zanchetta, numero 4 del tabellone, che in semifinale avevano sbarrato la strada (63 63) alla spagnola Minerva Huertas Talamino e alla messicana Camila Ramme, seconde favorite del torneo.

fonte. sito federtennis